IAP

Imprenditore Agricoltore Professionale I.A.P.


L'attività di agricoltore è riconosciuta qualora sia svolta secondo quanto disposto dalla normativa prevista, prevedendo agevolazioni contributive, fiscali ed urbanistiche in base a diverse tipologie:
Coltivatore Diretto (CD)
Si dedica direttamente e abitualmente alla coltivazione dei fondi ed al governo del bestiame, sempre che la complessiva forza lavorativa del nucleo familiare non sia inferiore ad un terzo di quella occorrente per le normali necessità della coltivazione del fondo e per l´allevamento ed il governo del bestiame, così come disposto dall' art. 48 della Legge 2 giugno 1961, n. 454, nonché dall'art. 2083 del Codice Civile;
Imprenditore agricolo (IA)
Esercita l´attività di coltivazione del fondo, selvicoltura, allevamento di animali e attività connesse, così come previsto dall'art. 2135 del Codice Civile;
Imprenditore Agricoltore Professionale (ex IATP)
Tale figura è stata definita dal Decreto Legislativo n. 99/2004, poi modificato dal Decreto Legislativo n. 101/2005.

E´ imprenditore agricolo professionale colui il quale, in possesso di conoscenze e competenze professionali ai sensi dell´art. 5 del regolamento (CE) n. 1257/1999 del Consiglio, del 7 maggio 1999, dedichi alle attività agricole di cui all´articolo 2135 del Codice Civile, direttamente o in qualità di socio di società, per le zone di montagna, almeno il venticinque per cento del proprio tempo di lavoro complessivo e che ricavi dalle attività medesime almeno il venticinque per cento del proprio reddito globale da lavoro.

 

e-max.it: your social media marketing partner

Seguici su Facebook